EDIZIONI:
vico VI.jpg
vico V.jpg
vicoIV.jpg
vico II.jpg
vico I.jpg

"BOLENDI"

Bolendi significa volando, ma basta aggiungere una "L" e noi sardi non siamo sicuramente avari con le doppie che quel bolendi diventa bollendi: volendo, tenacia e a seconda del tono con cui lo si pronuncia cela un pizzico di caparbietà. 
Bolendi podeus bolai. Volendo possiamo volare. Ed è proprio il volo che ci fa amare le nostre passioni. Quella sensazione di vuoto ed euforia che ci ricorda quando da piccolissimi ci lanciavano in aria per poi riprenderci. Ci faceva ridere e volevamo rifarlo subito. Oggi siamo in continua ricerca di quella sensazione. Organizzare Sa Ruga ce la dà. Ci regala quella leggerezza, quell'aria di libertà che si respira tutti insieme, che forse è la libertà degli artisti stessi.
A Cagliari si dice "Seus Bolendi" anche quando soffia il maestrale. Il vento forte che scompiglia i capelli, ruba i panni stesi, frantuma i vasi, sbatte le porte... ma concilia il sonno e porta cambiamento, spazza via l'aria stantia e lascia spazio alle nuove idee, fresche, che arrivano da lontano, si respirano con i polmoni e sedimentano nel cuore.
                                                                                                                                                                                                                                          Mirko Ariu